Risotto alla curcuma con zucca e latte di cocco

Cosa c’è di meglio di un risotto per risollevarci il morale in una giornata di pioggia? Forse un risotto accompagnato da un bel bicchiere di vino e nulla vi impedisce di cucinare fischiettando e bevendo un buon calice. Questo risotto è un tripudio di sapori e colori, accostamenti inattesi e soprattutto spezie e latte di cocco che io adoro in ogni forma e utilizzo. L’unico accorgimento che dovete avere è mettere a bagno una manciata di funghi porcini in acqua tiepida almeno una mezz’ora prima di cucinare il risotto. Per il resto serve solo pazienza e attesa, dolcissima attesa.
Ingredienti per 4 persone:
15gr di porcini secchi
250 di zucca
½ porro
400gr di riso tipo vialone nano
1,5L di brodo vegetale
1 cucchiaio di curcuma
1 cucchiaio di curry giallo
100ml di latte di cocco
2 cucchiai di olio
Sale e pepe qb
Procedimento:
Mettete a bagno i funghi in acqua tiepida e lasciateli per almeno mezz’ora. Intanto mondate e lavate la zucca e il porro. Tagliate la zucca a tocchetti e il porro in fette sottili. Scolate i funghi, sciacquateli e tagliateli a listarelle. Scaldate il brodo e lasciatelo sobollire a fuoco basso. In un tegame basso mettete l’olio con curcuma e curry e il porro, accendete il fuoco a fiamma media e fate rosolare per un minuto. Aggiungete la zucca, i funghi e qualche cucchiaio di brodo, salate e fate cuocere per 5 minuti, aggiungete il riso e fatelo tostare per bene. Appena sarà traslucido coprite tutto con il brodo caldo e lasciate cuocere per 10 minuti a fuoco basso. Aggiungete brodo quando serve, appena vedete che si sta asciugando e continuate la cottura per altri 15 minuti, fino a che il riso sarà morbido. Se serve brodo aggiungetelo sempre. Ricordate che se mescolate una volta dovrete farlo sempre se invece lo lasciate in pace il riso cuocerà comunque e basterà dargli una bella mescolata alla fine. Appena il riso vi sembra cotto aggiungete il latte di cocco, alzate la fiamma e mescolate per bene. Spegnete il fuoco e fate riposare per almeno 5 minuti.
Servite su piatti caldi una generosa porzione di riso spolverato con del pepe nero appena macinato.
E ora una forchettata di riso e un bicchiere di vino e sarete in paradiso!

Annunci

Dolcetti di farro ai fichi

 

Vale la pena sfruttare questi dolci frutti fino a fine stagione, prima che le piogge arrivino, prima che l’estate ceda infine il passo all’autunno.

Per celebrare al meglio il gusto delicato dei fichi non c’è nulla di meglio che un piccolo dolcetto.

Vi serviranno gli stampi per muffin e i pirottini di carta.

La preparazione è facile e velocissima, potete cuocerli per la colazione mentre vi fate la doccia al mattino. Quindi non perdiamo tempo e accendiamo il forno!

Ingredienti per 10 dolcetti:

225gr di farina di farro

1 cucchiaino di bicarbonato

La scorza di ½ limone

1 uovo intero

85gr di zucchero di canna grezzo

200cc di panna vegetale di cocco o latte di cocco

30c di olio di semi di girasole

5 fichi grandi o 8 piccoli, verdi o neri fa lo stesso, sono tutti buoni!

Procedimento:

Per prima cosa accendete il forno a 180° e sistemate i pirottini di carta dentro gli stampi per muffin.

In una ciotola mettete la farina con il bicarbonato, la scorza di limone e la farina.

Su un’altra ciotola sbattete con una frusta a mano l’uovo intero insieme con lo zucchero fino a che sarà bello spumoso.

Aggiungete pian piano il mix di farina alternando con la panna e l’olio.

Mescolate sempre per bene per non avere grumi.

Quando avete finito tutti gli ingredienti amalgamate bene, sbucciate i fichi e tagliateli a pezzetti. Uniteli al composto, mescolate delicatamente e trasferite tutto su un bricco. In questo modo è molto più semplice riempire gli stampi dei dolcetti.

Riempite ciascuno stampino per circa ¾ e infornate subito

Cuocete per 20 minuti, controllate la cottura con uno stuzzicadenti, i dolcetti saranno sempre umidi dove c’è la frutta, importante è che l’impasto sia bello asciutto.

Sfornate e togliete i pirottini dagli stampi in modo che non si formi la condensa.

Aspettate almeno dieci minuti e poi addentateli con soddisfazione e una bella tazza di caffè, quale modo migliore per cominciare la giornata?