Barrette energetiche di castagne

Ebbene si, questa è una rivisitazione del classico castagnaccio fatta a modo mio ma sopratutto pensata per chi si allena o chi è sempre di corsa, chi fa sport invernali all’aperto o semplicemente ha voglia di uno snack sano ma golosissimo per sè e i suoi bambini…o amici.

La base è quella del castagnaccio con la farina di castagne che arricchiremo di frutta secca e cioccolato fondente. Perdonate le dosi generiche ma è veramente difficile fare i conti giusti, l’importante è la consistenza dell’impasto che deve essere quasi liquido, come quello per le crepe o i pan cake insomma!

Ingredienti per una teglia rettangolare di circa 32×24:

farina di castagne circa 300gr

200gr circa di frutta secca mista: noci, nocciole, noci di macadamia, pinoli

2 cucchiai di uva passa

100gr di cioccolato fondente

1 cucchiaio di olio

1 cucchiaio di zucchero di canna

acqua tiepida qb

Procedimento: Mettete tutta la frutta secca su un sacchetto da freezer e sfogate tutte le vostre frustrazioni battendola con un mattarello o con quello che avete per ridurla in piccoli pezzi. Ricordatevi di chiudere il sacchetto sennò dovrete pulire tutta la cucina e addio effetto anti stress! Accendete il forno a 200°. Tagliuzzate il cioccolato fondente e mettete a bagno l’uvetta con un pò di acqua. In una ciotola mettete la farina di castagne, l’olio e lo zucchero. Mescolate e d iniziate ad aggiungere l’acqua sempre mescolando magari con una frusta a mano per evitare che si formino grumi. Aggiungete acqua fino a che il composto sarà liscio e liquido. A questo punto versateci dentro la frutta secca la cioccolata e l’uvetta scolata dall’acqua. Coprite una teglia con carta forno e metteteci il composto. Infornate per 30 minuti. A questo punto la cottura è a posto ma se vi piace un pochino più bruciacchiato sopra cuocete altri 5 minuti. Sfornate e raffreddate per 10 minuti. A questo punto togliete il vostro castagnaccio dalla teglia e tagliatelo a mò di barrette. Potete conservarle in carta stagnola o refrigerarle.  Servitele quando volete e se proprio gira male male con un pò di panna montata o latte di cocco passa tutta la paura!

Pasta di farro con la zucca

Eccoci di nuovo, ci siamo lasciati in estate con un piatto di pasta e ci ritroviamo oggi con un altro grande classico stagionale tutto da gustare. Arricchiremo questo piatto con una salsa di noci velocissima e dei deliziosi broccoli. Un piatto ideale prima di andare ad una bella festa o per un pranzo veloce tra amici. In una versione ancora più gustosa potete provare questo condimento con degli gnocchi di patate!

Ingredienti per 4 persone:

500gr di pasta di farro corta

350gr di zucca violina

200gr di broccoli

200 gr di noci sgusciate

1 porro piccolo

3 cucchiai di olio

sale e pepe qb

Procedimento: Per prima cosa tagliate a pezzetti la zucca. La zucca violina non ha bisogno di essere precotta nel forno ed è molto più facile da sbucciare e tagliare quindi non dovreste avere difficoltà. Lavate e tagliate a listarelle il porro e i broccoli.

Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta. In una padella anti aderente mettete due cucchiai di olio, il porro con la zucca e i broccoli. Mettete sul fuoco a fiamma alta, salate e fate scaldare bene per qualche minuto. Aggiungete un pò di acqua bollente e continuate la cottura a fiamma medio/bassa per 15 minuti. Intanto buttate la pasta nell’acqua bollente e salata e cuocete per circa 12 minuti o quanto indicato nella confezione.

Nel frattempo mettete in un bricco dosatore le noci con l’olio, sale e pepe. Bagnate con tre cucchiai di acqua di cottura della pasta e frullate fino ad avere una bella crema corposa. Aggiungetela al condimento con la zucca. Appena la pasta è al dente scolatela e mettetela direttamente nella padella. Fate saltare mantecando con un pò di acqua di cottura e spolverate sopra una generosa macinata di pepe.

Il vostro piatto di pasta è pronto, non vi resta che mangiarlo subito!

 

Tortiglioni con feta e melone

Avete presente una di quelle giornate estive caldissime in cui non avete nemmeno voglia di mettere il naso fuori di casa? e poi arriva un amico e vi trascina ad un pic nic sul lago, così per stare insieme e passare la giornata. Lui porta il vino e a voi tocca il piatto forte.

E’ così che mi è venuto in mente questo piatto di tortiglioni, freschissimo e delicato con un sapore che vi lascerà di stucco. Useremo tutti profumi e sapori tipici dell’estate: il melone, il cetriolo, il limone e la feta. Questi sono gli ingredienti che vi servono, a parte la pasta. E questo sarà il piatto che vi farà venire voglia di muovervi di casa nonostante il caldo!

Ingredienti per 2 persone:

300gr diTortiglioni di mais Rummo

1/2 melone retato

2 cetrioli piccoli o 1 grande

150gr di feta

la scorza di mezzo limone

3 cucchiai di olio

sale e pepe qb

Procedimento: Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta. Appena bolle salate e buttate la pasta. Fate cuocere 12 minuti, se usate un’altra marca controllate i tempi di cottura. Intanto pulite e mondate il melone e i cetrioli. Tagliate il melone in piccoli pezzetti e i cetrioli in fette sottili. Mettete tutto su un contenitore bello capiente e condite con 2 cucchiai di olio, sale e pepe. Sbriciolate sopra la feta e grattugiate metà della scorza  di limone. Appena la pasta è cotta scolatela e sciacquatela velocemente sotto l’acqua per raffreddarla un pò. Scolate bene e unite al condimento. Date una bella mescolata in modo che tutti i sapori si amalgamino e aggiungete una bella macinata di pepe, la scorza di limone e l’olio avanzato. Mescolate magari usando le mani, sono il vostro migliore attrezzo, ricordatelo! Chiudete il vostro contenitore, mettete su una borsa frigo con due forchette e siete pronti per il vostro pic nic.

Naturalmente è una grandiosa idea per una cena in piedi o un aperitivo “aggravato”, si prepara in anticipo e stupirà sicuramente i vostri ospiti. Ma è anche un’ottima idea per il vostro pranzo in ufficio…se ne avanza!

 

Pasta estiva senza glutine

Ecco, un altro piatto di pasta che adoro, semplice e velocissimo, si prepara il condimento mentre la pasta cuoce ed è una delizia. Io ho utilizzato la pasta di grano saraceno totalmente gluten free che è superba in questa preparazione. Se non avete problemi con il glutine vi raccomando una pasta integrale di grano duro, sempre nel formato tipo tortiglioni. Potete arricchirla e farne un piatto unico aggiungendo un pò di formaggio feta sbriciolato sopra e magari una spolverata di origano.

Ingredienti per 4 persone:

500gr di pasta di grano saraceno

500gr di pomodorini ciliegia o datterini

4 cucchiai di olive verdi denocciolate

1/2 cipolla di tropea freschissima

4 cucchiai di olio

sale e pepe qb

Procedimento:

mettete a bollire l’acqua per cucoere la pasta, appena bolle salate e cuocete per circa 10 minuti o quanto indicato sulla confezione. Mentre cuoce la pasta lavate i pomodorini e tagliateli a metà, metteteli su una terrina con le olive. Affettate finemente la cipolla e unitela al resto. Condite con due cucchiai di olio, sale e pepe. Scolate la pasta e mettetela sulla terrina, condite con olio e spolverate con una bella macinata di pepe. Il calore della pasta farà sprigionare l’aroma della cipolla e delle olive e i pomodori perderanno un pò del loro succo… Non vi resta che mangiare questo piatto prima che lo finiscano gli altri!

Verdure gratinate gluten free

Quando abbiamo una montagna di verdure, poco tempo per stare intorno ai fornelli e non ci importa di scaldare un po’ la casa con il forno acceso, possiamo sfogare la nostra fantasia con queste deliziose verde gratinate con farina di mais bianca totalmente gluten free. La cosa bella è che potette arricchire tutto con gli aromi che più vi piacciono, dalla salvia alla mentuccia. Io ho usato l’origano preso a Durazzo l’estate scorsa. Ha un aroma intenso e fa tanto estate. Potete arricchire tutto con dei capperi o delle olive. Io vi presento la.ricetta base e semplice che è venuta così deliziosa anche grazie ai dolcissimi peperoni presi durante una fuga in Croazia! Mettiamoci al lavoro che ho già l’acquolina…

Ingredienti per 4 persone

2 pomodori cuore di bue

2 zucchine grandi

1 peperone giallo

1peperone rosso

1cipollotto

1 manciata abbondante di farina bianca per polenta

Tre cucchiai di olio

Sale e pepe qb

Procedimento:

Lavate tutte le verdure e pulitele bene eliminando le parti non edibili. Tagliate le zucchine in spesse fette, i pomodori a metà.o a fette, dipende dalla grandezza, cipollotto e peperoni in quattro parti.

Accendete il forno  a 220° e preparate una teglia capiente ricoperta di carta forno. Adagiatevi le verdure senza sovrapporle. Condite ogni pezzetto con sale e abbondante pepe, spolverate con la farina di mais e irrorate con l’olio. infornate e fate cuocere per 40 minuti, dovranno essere belle abbrustolite, in caso terminate con 5minuti di grill al massimo. Potete consumarle calde o tiepide o anche fredde  accompagnate da un semplice cous cous all’origano.

Potete anche aggiungere altre verdure come le melanzane o le patate novelle. Che meraviglia l’estate!

Minestrone detox

Ebbene si, dopo qualche giorno di vacanza e di festa c’è bisogno di disintossicarsi un pochino e visto che il freddo è tornato a farsi sentire cosa c’è di meglio di una bella zuppa di verdure di stagione in versione leggere e detox?

In questo periodo l’orto offre un sacco di primizie ma ancora molti ortaggi invernali si trovano sulle nostre tavole. E allora utilizziamo tutto quello che abbiamo per fare questo delizioso minestrone detox alla nostra maniera.

Stavolta la ricetta è per due persone, vi basta moltiplicare e potete farlo per un reggimento!

Ingredienti per due persone:

1kg di ortaggi in porzione variabile: piselli freschi sgranati, carote, zucchine romane, patate a pasta gialla, cipollotto fresco, pomodori datterino, sedano, fagiolini, fave sgranate etc.

4 cucchiai di lenticchie già cotte

2 foglie di salvia

1 rametto di rosmarino

2 fette di zenzero

sale grosso qb

2cucchiai di olio

Procedimento:

Visto che volgiamo fare un piatto leggere e disintossicarci non faremo un soffritto, fidatevi, verrà buonissimo. Per prima cosa mondate e lavate tutte le verdure, io lascio la buccia a patate e carote, vedete voi cosa preferite fare. Tagliatele a pezzetti in modo grossolano e mettetele in una pentola capiente con la salvia, il rosmarino e lo zenzero e coprite con un bicchiere di acqua bollente. Accendete il fuoco a fiamma alta e portate a bollore, aggiungete circa un litro e mezzo di acqua e salate. Abbassate il fuoco, aggiugnete le lenticchie e cuocete per circa 40 minuti: le verdure dovranno essere morbide ma non disfarsi.

Aggiustate di sale e mettete su delle ciotole aggiungendo un  filo di olio a crudo. Per renderlo un piatto completo potete aggiungere un pò di riso basmati che è profumato, nutriente ma ha un indice glicemico molto basso. Cosa volete di più?

 

 

Focaccine gluten free

Ecco la ricetta base per fare queste favolose focaccine semplici, veloci e deliziose. Potrete utilizzarle in mille modi. Dolci o salate, per accompagnare uova alla coque o in camicia, affettati vegetali o formaggi o magari una cascata di cioccolato fuso fondente con delle fragole. Sono croccanti, si conservano per 4 giorni avvolte in carta stagnola e sono una perfetta alternativa a crostini, crackers e prodotti preconfezionati. Quello che vi serve è solo il forno acceso!

Ingredienti per circa 8 focaccine:

450gr di farina di grano saraceno

1 pizzico di sale

2 cucchiai di olio

acqua tiepida qb, circa 180ml

Procedimento:

Accendete il forno a 180°. Coprite una teglia da forno con carta forno leggermente bagnata e strizzata.

In una terrina mettete la farina con il sale e l’olio. Mescolate con un cucchiaio per amalgamare bene. Aggiungete a poco a poco l’acqua sempre mescolando.  Mettetene 2/3. Vedrete che dapprima vi sembrerà che l’acqua sia poca ma non esagerate. Iniziate a mescolate con le mani e se l’impasto è troppo duro aggiungete poca acqua. Se invece vi sembra appiccicoso aggiungete qualche cucchiaio di farina.

Formate un bel cilindro e prendete 1/8. Fate una pallina con le mani e poi schiacciatela per farne una focaccina. Adagiatela sulla carta forno. Continuate così fino a finire l’impasto.

Spolverate con un goccio di olio e infornate per 10 minuti. A questo punto girate le focaccine e continuate la cottura per altri 10 minuti.

Sfornate e mettete su un bel cesto o direttamente sul piatto.

Potrete arricchire l’impasto con degli aromi come rosmarino, maggiorana, salvia, origano o magari con un pò di spezie come paprica, cumino o il mio amatissimo peperoncino.

Pasta di mais con crema di avocado e anacardi

Un semplice piatto di pasta, quasi senza cottura, leggero,saporito e confortante. Con dei colori meravigliosi, sembra quasi un prato in una giornata di sole. Ideale per chi ha fretta ma tanta fame e per questo periodo di passaggio, in attesa di asparagi, piselli e fragole.

Ingredienti per 4 persone

400gr di pasta di mais corta

2 avocado maturi

150gr di anacardi

Sale e pepe qb

Procedimento:

In una pentola capiente mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta. Appena bolle salatela e buttate la pasta. Fate cuocere per circa 10 minuti o quanto indicato nella confezione.  Intanto tagliate grossolanamente gli anacardi e fateli tostare leggermente su una padella antiaderente. Lasciateli li. Pulite gli avocado e con una forchetta schiacciate bene la polpa. Salate e pepate. Aggiungete la polpa di avocado agli anacardi.

Appena la pasta è pronta scolatela conservando l’acqua di cottura. Mettetela nella padella con la crema di avocado e accendete il fuoco a fiamma bassa. Aggiungete un po di acqua di cottura in modo che la preparazione sia bella cremosa e fate saltare per qualche minuto. Servite con una spolverata di pepe e qualche anacardo spezzettato.

Una delizia delicatissima…

Pasta con avocado e crema di tofu

Quando avete poco tempo per cucinare ma un avocado bello maturo nel cesto delle verdure avete risolto il problema. Questo piatto di pasta si prepara in pochissimo tempo ed è delizioso, cremoso e ricco di sapore. Vi serve il tofu cremoso, quello che si usa anche per fare i dolci. E poi radicchio di Treviso e una bella dose di peperoncino piccante, che quello ha sempre il suo perchè. Per rendere questo piatto ancora più interessante useremo la pasta di grano saraceno, totalmente gluten free. Prendetevi cinque minuti di tempo per cucinare e il gioco è fatto.
Ingredienti per 4 persone:
1 avocado maturo
150gr di tofu cremoso
350gr di radicchio tardivo di Treviso
2 cucchiai di olio
1 peperoncino
400gr di tortiglioni di grano saraceno
sale e pepe qb
Procedimento:
Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta, appena bolle salatela. Pulite l’avocado e tagliatelo a fette. Lavate e affettate il radicchio. Buttate la pasta nell’acqua bollente e salata. In una padella anti aderente mettete il radicchio con il peperoncino tagliato a fette, fate cuocere a fuoco medio per circa 5 minuti, aggiungete il tofu schiacciandolo con una forchetta e salate, se serve bagnate con un pò di acqua di cottura della pasta. Aggiungete metà dell’avocado e mescolate. Appena la pasta è cotta scolatela e mettetela sulla padella, fate saltare e aggiungete l’avocado rimasto, salate leggermente e fate saltare a fuoco alto. Finite con una bella spolverata di pepe nero appena macinato e mangiate subito, ben caldo. Un piatto di pasta perfetto!

La verza coi fagioli

Questo è un piatto della mia infanzia, un piatto che trovavo quasi sempre dai miei nonni in Toscana nel periodo invernale, insieme alla zuppa e al pane toscano senza sale.
E’ un piatto semplice, della cucina povera ma ricco di proteine e di sapore e assolutamente leggero e digeribile. Il trucco sta tutto nel cucinare le verze. Potete accompagnarlo con dei bei crostini di pane o renderlo ancora più ricco con del tempeh o delle salsiccette vegane.
ingredienti per 4 persone:
1 verza da circa 600gr
400gr di fagioli borlotti già cotti
250cc di passata di pomodoro
1 peperoncino intero
2 spicchi di aglio
2 cucchiai di olio
sale e pepe qb
Procedimento:
Per prima cosa pulite la verza e tagliatela in fette sottili, utilizzate anche la parte centrale, anche se è più dura è molto saporita. Preparate un tegame ampio con dell’acqua bollente e immergetevi la verza, fatela cuocere per circa 10 minuti, dovete sbollentarla. Questo procedimento la renderà molto più digeribile e ne ammorbidisce il gusto. Appena è pronta scolatela. In un tegame basso mettete il peperoncino tagliato a fette, l’aglio sbucciato e schiacciato insieme all’olio. Accendete il fuoco a fiamma media e appena prende il calore mettete la verza, fate insaporire, salate, aggiungete la salsa di pomodoro e fate cuocere 5 minuti. A questo punto aggiungete i fagioli e fate cuocere per circa 20 minuti a fuoco medio-basso. Aggiustate di sale e sentite come va la cottura: i fagioli devono quasi sciogliersi e la verza deve essere morbidissima. Se è tutto a posto non vi resta che impiattare e mangiare subito, quando è ancora tutto molto caldo e pieno di aroma.
Questo è un piatto contadino che quindi dà il suo meglio se cucinato in anticipo e poi riscaldato, proprio come si faceva un tempo…che nostalgia.