Insalata di farro al melone e avocado

 

Ci sono volte in cui c’è bisogno di un piatto fresco, succoso, ma pieno di colore e sapore.

Un po’ dolce ma anche acidulo, consistente ma morbido.

Una piccola cura per le giornate estive che iniziano ad essere calde e afose.

 

Ingredienti per 4 persone:

 

400gr di farro

1 melone maturo

1 avocado maturo

1 peperoncino

1 limone intero non trattato

4 cucchiai di olio

Sale e pepe qb

 

Procedimento:

 

Per prima cosa mettete a bollire l’acqua per cuocere il farro: ricordate la proporzione è sempre di una tazza di farro e due di acqua e così via.

Per i tempi di cottura si varia dai 15 ai 30 minuti, leggete cosa c’è scritto sulla confezione.

In ogni caso tenete il farro un po’ al dente, non lasciatelo cuocere troppo.

Scolate e raffreddate sotto l’acqua fredda.

Mettete su una terrina e condite con un cucchiaio di olio.

Sbucciate e tagliate a pezzi piccoli il melone, sbucciate ed affettate l’avocado.

Affettate il peperoncino a rondelle.

Aggiungete melone e avocado al farro e condite con olio, sale e pepe e una spruzzata di succo di limone.

Guarnite un po’ di peperoncino, qualche foglia di finocchietto e la scorza grattugiata del limone.

Potete servire subito o conservare in frigo qualche ora, in caso aggiungete l’avocado all’ultimo momento in modo che non si ossidi.

Facile, veloce, estivo e confortante….

 

Pasta di farro con crema di piselli e asparagi e carpaccio di fragole

 

Utilizziamo questi due ingredienti in un momento in cui si trovano entrambi freschissimi accompagnando il tutto con l’acidità delle fragole.

Sarà un piatto di pasta molto confortante, da condividere e mangiare appena fatto, in quelle giornate in cui il caldo fa fatica a d arrivare.

 

Ingredienti per 4 persone

500gr di mezze penne di farro

300gr di piselli freschi

500gr di asparagi verdi

1 cipollotto fresco

1 peperoncino fresco

2 cucchiai di olio

Sale e pepe qb

300 gr di fragole

 

Procedimento:

Mondate e levate asparagi e piselli. Tagliate gli asparagi a rondelle, affettate il peperoncino e il cipollotto.

In una padella anti aderente mettete l’olio con il peperoncino, il cipollotto e asparagi e piselli.

Mettete sul fuoco a fiamma alta, fate cuocere qualche minuto e poi abbassate la fiamma, salate e aggiungete acqua calda fino a coprire tutto. Mettete la fiamma bassa e fate cuocere per circa 8 minuti.

Intanto pulite le fragole e tagliatele a fette sottilissime.

Controllate le verdure, devono essere morbide.

Mettete l’acqua per cuocere la pasta, appena bolle salatela e buttate la pasta. Fate cuocere per 10 minuti o quanto indicato nella confezione. Appena sono pronte trasferite tutto su un bricco e frullate con il frullatore ad immersione, se vi sembra che la crema sia troppo densa aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta.

Scolate la pasta al dente, trasferite la crema sulla padella e metteteci la pasta.

Rimettete sul fuoco e fate saltare per qualche minuto.

Terminate il piatto adagiandovi sopra le fragole tagliate a fette e una bella spolverata di pepe.

Fidatevi, la fragola fa la differenza in questo piatto…

Spaghetti di soia con prezzemolo e nocciole

 

Questo piatto è caratterizzato dalle consistenze diverse, il croccante delle nocciole, la freschezza del prezzemolo e la dolcezza degli spaghetti di soia.

Ricco di proteine, totalmente gluten free con la salsa di soia giusta, facilissimo e quel che più importa veloce.

Se non amate particolarmente il prezzemolo sostituitelo con la rucola, sarà diverso ma ugualmente sublime

Ingredienti per 4 persone:

300gr di spaghetti di soia

80gr di nocciole tostate e sbucciate

200gr di prezzemolo fresco

3 cucchiai di salsa di soia

3 cucchiai di olio

Pepe abbondante macinato al momento

 

Procedimento:

 

Mettete gli spaghetti di soia in acqua bollente e lasciateli a bagno per dieci minuti.

Scolateli e lavateli con acqua fredda in modo che perdano l’amido.

Scolateli ancora per bene.

Lavate e asciugate bene il prezzemolo.

Tagliate via i gambi e conservate le foglie, saranno la nostra insalata.

Tagliuzzate grossolanamente le nocciole.

In una terrina mettete gli spaghetti di soia, il prezzemolo e le nocciole.

Condite con la salsa di soia, due cucchiai di olio e un po’ di pepe.

Mescolate tutto con le mani e servite.

Niente di più facile!

 

 

Spaghettata aglio e olio aggravata gluten free

Spaghettata aglio e olio aggravata gluten free

Quando si parla di fare una spaghettata veloce tra amici la cosa migliore è un classico intramontabile: gli spaghetti aglio e olio.

Ma noi siamo persone dai palati fini a abbiamo bisogno di qualcosa in più che stimoli le nostre papille gustative e i nostri sensi.

E allora questo classico lo faremo aggravato, cioè ricco di sapori e profumi da unire al classico aglio e peperoncino.

Zenzero, pomodorini e una marea di peperoncino fresco, che altro volere?

 

Ingredienti per 4 persone:

 

500gr di spaghetti di mais

350gr di pomodorini tipo piccadilly

1 peperoncino fresco intero

1 radice di zenzero di circa 4 cm

2 gambi di prezzemolo

4+1 cucchiai di olio e.v.o.

Sale qb

 

Procedimento:

Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta.

Intanto lavate i pomodorini e tagliateli a metà.

Affettate il peperoncino e sbucciate a grattugiate lo zenzero.

In una padella grande anti aderente mettete i 4 cucchiai di olio, lo zenzero, il peperoncino e i gambo di prezzemolo.

Accendete il fuoco a fiamma alta e con un mestolo di legno mescolate con cura.

Appena tutto inizia a sfrigolare togliete i gambi di prezzemolo e aggiungete i pomodorini, fateli cuocere fino a che quasi si caramellano, ci vorranno circa 5-6 minuti. Per fare questo dovete lavorare sempre con la fiamma molto alta.

Intanto potete mettere a cuocere la pasta.

Aggiungete un pò di acqua di cottura della pasta al vostro sughino perché non si asciughi troppo.

Aggiustate di sale.

Appena gli spaghetti sono pronti scolateli e metteteli nella padella con il sugo. Fate saltare allegramente fino a che saranno ben amalgamati e leggermente colorati.

Spegnete il fuoco e mantecate con un cucchiaio di olio.

Il vostro aglio e olio è pronto, aggravato dal sapore forte dello zenzero e dall’acidità dei pomodorini.

Dato che sarà ultra piccante preparate delle birre fresche e delle fette di pane bruscato.

In questo modo potrete dare sollievo ai vostri ospiti.

Io vi consiglio di mangiarlo direttamente dalla padella, seduti per terra con la musica alta, quale modo migliore?

 

 

 

Pesto di ortiche

 

E si, proprio le ortiche, quelle che pungono parecchio e vi fanno diventare le dita tutte rosse.

Avete due modi per procurarvele: andare in giro per i prati con dei buoni guanti che vi proteggano le mani oppure recarvi in uno dei più vicini e favolosi Farmer Market. Questa tipologia di mercato è ormai presente ovunque e ospita solo contadini che rivendono quello che producono. Un buon vantaggio per voi: prezzi convenienti e prodotti locali solo di stagione, così siete sicuri di mangiare ciò che serve al vostro organismo nella stagione giusta. E poi i prodotti sono freschissimi e chi coltiva la terra ha sempre qualche buon consiglio da darvi.

Io venerdì scorso ci ho trovato le ortiche e mi sono sbizzarrita a fare questo pesto che potrete utilizzare in diversi modi.

Può essere un’ottima base per dei crostini fatti con gallette di mais e quenelle di strachicco oppure potete utilizzarlo per fare la pasta, proprio come il classico pesto, magari con una bella grattugiata di pecorino romano e una grattugiata di pepe.

O ancora unire qualche cucchiaio ad un semplice sugo di pomodoro, giusto per dargli quella marcia in più. Io vi do la ricetta, poi fate voi…

 

Ingredienti per un barattolo da 400gr circa:

 

300gr di ortiche

150 gr di anacardi

4-5 cucchiai di olio

1 peperoncino rosso

Sale qb

Carta pellicola e 2 cucchiai di olio per conservare

 

Procedimento:

Per prima cosa lavate le ortiche, è edibile non solo la foglia ma tutto quanto. Usate dei guanti, mi raccomando.

Avvolgetele su un panno e fatele asciugare bene, tagliatele grossolanamente con un coltello, affettate il peperoncino.

In un contenitore ampio mettete l’ortica, l’olio, gli anacardi e il peperoncino.

Iniziate a frullare con un frullatore ad immersione, se vedete che manca olio aggiungetelo ma non abbiate fretta.

Aggiustate di sale e continuate a frullare fino a che il pesto non raggiunge la consistenza di una crema.

Il pesto di ortica tende a ossidarsi quindi trasferitelo subito in un barattolo di vetro, coprite la superficie di olio e mettete a filo della carta pellicola, in modo che mantenga quel suo bel colore verde naturale.

Così coperto si conserva in frigo anche un mese, attenti a tenere le pareti del barattolo pulite e a non farlo entrare in contatto con l’acqua.

Ora giocate di fantasia e fatemi sapere cosa vi siete inventati con questa meraviglia stagionale.

 

Risotto con curcuma, asparagi bianchi e fragole

Risotto con curcuma, asparagi bianchi e fragole

 

Gli asparagi, che deliziosi germogli. Presenti nella nostra spesa per poco più di un mese vanno sfruttati al massimo in ogni occasione.

Per questa ricetta utilizziamo i bianchi, delicati e dolci, si sposano benissimo con l’acidità della fragola.

Mantecheremo il tutto con lo strachicco, lo stracchino tutto vegetale per farne un piatto adatto ai nostri amici vegani e celiaci.

Siete un po’ incerti? Lasciatevi guidare, questo è un piatto per palati fini e curiosi, sono sicura che lo apprezzerete.

Faremo le porzioni abbondanti considerandolo un piatto unico.

 

Ingredienti per 4 persone:

400gr di riso tipo Vialone Nano

1 scalogno

1 peperoncino

1kg di asparagi bianchi

8 fragole

1,5 litri di acqua bollente o brodo vegetale

1 cucchiaio di curcuma

200gr di strachicco o stracchino vegetale

2 cucchiai di olio

Sale grosso qb

 

Procedimento:

Pulite gli asparagi: sciacquateli sotto l’acqua fresca ed eliminate la parte finale troppo legnosa. Tagliateli a rondelle lasciando intatte le punte.

Pulite e affettate finemente lo scalogno, affettate il peperoncino.

Tenete in caldo l’acqua o il brodo vegetale.

In un tegame capiente mettete l’olio, lo scalogno, la curcuma e il peperoncino. Fate rosolare a fuoco medio, salate e mettete gli asparagi escluse le punte. Fate cuocere circa 1 minuto e unite il riso, fatelo tostare bene, salate e aggiungete tanta acqua o brodo da coprire il tutto.

A questo punto fate una scelta: o non li girate mai o lo girate sempre.

In ogni caso state attenti che non si asciughi troppo, ogni 5 minuti circa aggiungete un po’ di liquido.

Passati 15 minuti aggiungete le punte di asparagi.

Dopo 5 minuti controllate la cottura, il riso deve essere morbido ma non scotto. Se vi pare pronto aggiungete le fragole tegliate a fette.

Spegnete il fuoco e mantecate il tutto con lo strachicco tagliato a fette.

Fate riposare qualche minuto, ha cotto tanto, sarà un po’ stanco.

Servite questo riso colore dei girasoli con qualche fetta di fragola e godetevi il calore che inizia a pervadervi il corpo, anche se la primavera si fa attendere

Curry di ananas

 

Curry di ananas

Comfort food, ecco il mio piatto preferito da mangiare in compagnia nelle domeniche piovose o nelle serate fredde, ascoltando buona musica e magari chiacchierando di un bel film.

A dire il vero amo mangiarlo anche da sola, e trovo sempre una scusa per poterlo fare. Preparatevi ad un gusto inaspettato e favoloso.

Questa ricetta costituirà la base di un sacco di piatti da preparare ed è ottima da condividere con gli amici, anche perché si può fare in anticipo e mangiare in piedi.

In questa versione con l’ananas facciamo un  curry più thai che indian, molto zenzero e una buona dose di lemon grass renderanno questo piatto molto fresco.

Ci ho messo un po’ di tempo a calcolare le dosi giuste per le spezie che qua sono tantissime ma vanno dosate e misurate, potete abbondare con peperoncino e curry, ma state attenti a tutto il resto, il piatto potrebbe risultare squilibrato.

 

Ingredienti per 4-6 persone

 

1 cipolla bianca

330cc di latte di cocco

4 pomodori pelati

1 peperoncino

1 cucchiaino di cardamomo

1 cucchiaino di semi di coriandolo

1 cucchiaio di curry

1 radice di lemon grass

1 cucchiaio di curcuma

1 radice di zenzero

2 spicchi di aglio

3 cucchiai di olio

Sale qb

Acqua bollente qb

1 mazzetto di prezzemolo

1 ananas intero maturo

150 gr di nocciole tostate

 

Procedimento:

Se avete un mortaio, questo è il momento di utilizzarlo. Se non l’avete, mettete gli stessi ingredienti su un panno, chiudete, e pestate con il mattarello.

Mettete dentro il mortaio il coriandolo, il cardamomo, il peperoncino e pestate con energia fino a che i semini si saranno spaccati. Eliminate la parte esterna del cardamomo e tenete solo i semi che si trovano all’interno

Grattugiate lo zenzero e tritate finemente la cipolla. Incidete il lemon grass, tenete la parte interna e tagliatelo grossolanamente. Sbucciate e schiacciate l’aglio. Tagliate grossolanamente i pomodori pelati. Tritate il prezzemolo eliminando i gambi.

Prendeteil wok o un tegame capiente anti aderente. Mettete l’olio, le spezie che avete tritato nel mortaio, la cipolla, lo zenzero, l’aglio, la polvere di curry e curcuma e il lemon grass. Accendete il fuoco a fiamma media e fate soffriggere bene.

Appena vedete che si sta formando una crema con tutte le spezie aggiungete un po’ di acqua bollente e continuate a soffriggere per almeno 5 minuti. Salate leggermente.

Aggiungete i pelati e mescolate per bene. Lasciate cuocere per 10 minuti a fuoco basso.

A questo punto potete eliminare la radice di lemon grass che non è molto piacevole in bocca, non si riesce a masticarla. Unite tutto il cocco, lasciate che prenda il bollore e cuocete 5 minuti.

Intanto pulite l’ananas, togliete la buccia, tagliatelo in 4 parti ed eliminate la parte centrale più legnosa. Tagliatelo a fette sottili, circa 1cm e unitelo alla salsa insieme alle nocciole tritate.

Fate cuocere a fuoco basso per altri 15 minuti, dovrà essere morbido e assorbire tutto l’aroma della salsa.

Servite con riso basmati o Jasmine magari aromatizzato con un po’ di scorza di limone o lime.

Se non utilizzate subito la salsa al curry potete conservarla e utilizzarla il giorno dopo, in tal caso dopo averla riportata ad ebollizione unite l’ananas e le nocciole.

diventerà un must della vostra cucina!

 

Carbonara finta ai carciofi

Carbonara finta ai carciofi

Tempo di preparazione:5 minuti, Tempo di cottura: 15 minuti

Per cucinare questo piatti di pasta ho deciso di utilizzare la pasta di mais.

Ogni tanto fa bene cambiare e uscire dagli schemi, useremo degli spaghetti che ci stanno benissimo e raccolgono bene tutta questa deliziosa salsa.

Negli ingredienti non ci sono le uova, quindi è un piatto che va bene anche per i nostri amici vegani e per i celiaci, già che ci siamo.

Il giallo viene dato dalla curcuma che è anche un ottimo aiuto nella stagione invernale.

Ma basta parlare, mettiamoci a cucinare

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di spaghetti di mais

4 carciofi interi

1 cucchiaio di curcuma in polvere

2 spicchi di aglio

1 limone non trattato

½  peperoncino

2 cucchiai di olio

2 cucchiai di crema vegetale di riso

Sale e pepe qb

Procedimento:

Mondate i carciofi: tagliateli a metà ed eliminate la cima delle foglie e le foglie più esterne. Scavate bene all’interno per eliminare tutta la parte non edibile che sembra una peluria.

Metteteli a bagno in una ciotola colma di acqua con spremuto dentro il succo di limone, quella che in gergo si chiama acqua acidulata.

Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta e salatela.

Intanto in una padella anti aderente mettete l’aglio schiacciato e privato della buccia, il peperoncino tagliato a fette, la curcuma e l’olio.

Prendete i carciofi e tagliateli a fette sottili.

Metteteli sulla padella e accendete il fornello a fiamma alta.

Buttate la pasta e cuocetela 10 minuti o quanto indicato. Continuate a fare cuocere la vostra salsina, aggiustate di sale e aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta in modo che non si asciughi troppo.

Appena la pasta è pronta scolatela ma non troppo, aggiungete al sugo la crema di riso, mescolate e buttate dentro la pasta.

Fate saltare a fuoco vivace e terminate con una bella macinata di pepe fresco.

Io la servirei direttamente sulla padella, magari con fette di pane di Altamura leggermente bruscate per fare la scarpetta….

 

 

Deliziose creme vegane

Deliziose creme vegane

Con questa ricetta vi toglierete dalla testa tutti i pregiudizi sul fatto che senza latte e senza uova non si può fare nulla. Queste creme possono essere dei dessert da mangiare da soli o da accompagnare a dei piccoli dolcetti……Insomma dopo che le avrete assaggiate troverete ogni scusa per gustarle…

potrete utilizzare il latte di riso o di soia, state attenti a dosare le zucchero, ce ne vuole veramante poco…asssaggiate il latte e regolatevi di conseguenza.

 

Ingredienti per circa 4 persone:

350cc di latte di riso o di soia

35 gr di zucchero di canna

35gr di amido di riso o di mais

Scorza di limone

1 pizzico di zafferano in polvere

Per le varianti:

scorza di arancia

cannella in polvere

zenzero grattugiato

cardamomo frantumato

cacao amaro

 

Procedimento:

Per la crema base mettete su un pentolino l’amido di riso e amalgamatelo con poco latte usando una frusta a mano. Aggiungete il resto del latte e la scorza di limone.

Mettete sul fuoco sempre mescolando, e dopo circa mezzo minuto aggiungete lo zucchero. Fate scaldare a aggiungete lo zafferano.

Appena inizia a bollire togliete dal fuoco sempre continuando a mescolare, si sarà già tutto amalgamato.

Trasferite su una ciotola e coprite a filo con carta pellicola in modo che non si formi la crosticina mentre si raffedda.

Potete mangiarla anche tiepida, magari su uno strudel alle mele o con dei biscotti secchi…

Per le varianti di gusto:

Aggiungete le spezie all’amido e le scorze di frutta al latte, il procedimento è lo stesso.

 

 

Veggie Chilli con carne

 

Veggie Chilli con carne

Tempo di preparazione:15 minuti- tempo di cottura:40 minuti

Questo è il piatto che non può mancare in una cena tra amici.A parlare di vacanze, di sogni da inseguire a immaginare un favoloso viaggio su una decapottabile lungo le high way americane.

Peperoncino a pioggia, spezie, fagioli neri e un ingrediente segreto molto mexican style…

Sono questi gli ingredienti principali oltre ad una lunga cottura.

Dovete amare il piccante perché in questo piatto l’uso del peperoncino è d’obbligo e costituisce la base.

 

 

Ingredienti:

400gr di seitan naturale intero

400gr di seitan naturale macinato

1 cipolla bianca

4 semi di cardamomo

2 cucchiaini di cumino

1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

2 peperoncini freschi tipo habanero se li trovate

2 spicchi di aglio

400cc di polpa di pomodoro

4 cucchiai di olio

1 bicchiere di acqua

350gr fagioli rossi italiani tipo Kidney (in alternativa Borlotti) già cotti

1 rametto di aromi misti: salvia, timo, rosmarino

Sale qb

Procedimento:

Per prima cosa lavate i fagioli: preferite sempre quelli in barattolo di vetro, non hanno conservanti e hanno un sapore molto migliore di quelli in lattina, se avete tempo di farli voi ancora meglio.

 

Intanto occupatevi del resto: sbucciate e tritate la cipolla e l’aglio. Affettate i peperoncini freschi ed eliminate qualche seme, semmai assaggiate per valutare il grado di piccantezza.

Schiacciate i semi di cardamomo in modo che venga fuori l’aroma.Tagliate la polpa di seitan a pezzetti di circa 3cm e poco spessi.

Prendete un tegame capiente anti aderente e mettete l’olio, la cipolla e l’aglio.

Accendete il fuoco e fate soffriggere a fiamma media per circa 5 minuti girando spesso.

Aggiungete i peperoncini freschi e salate leggermente, aggiungete i semi di cardamomo, mescolate e unite tutto il seitan.  Cospargete il tutto di cacao amaro e di cumino e mescolate fino a quando sarà tutto ben amalgamato.

Salate, aggiungete la polpa di pomodoro, metà dei fagioli e un bicchiere di acqua. Mescolate e coprite il tegame. Mettete il fuoco al minimo e per circa cuocete 35 minuti. Se vi sembra che la preparazione si asciughi troppo aggiungete acqua, potete usare l’acqua di cottura dei fagioli s eli avete fatti voi.

Controllate se manca sale e unite il resto dei fagioli.

Cuocete ancora per 20 minuti a fuoco bassissimo.

Assaggiate il seitan e i fagioli, deve essere tutto morbido e saporito e sentite se manca sale, in caso aggiungete. Volendo potete schiacciare un po’ i fagioli per rendere il chilli più cremoso.

Io fossi in voi non preparerei questo piatto all’ultimo momento. È più buono se fatto prima e riposa almeno qualche ora: potete farlo nel pomeriggio per la sera o addirittura la sera prima. In questo caso conservatelo in frigo ben coperto: l’aroma è così forte che inquinerà gli altri cibi. Al momento di servirlo scaldatelo bene riportandolo a bollore.

Potete servirlo con le tortillas o con i nachos e magari preparare qualche ciotola di salsa da abbinarci come una salsa piccante ai peperoni o il guacamole.

Se vi avanzerà del chilli, ma non abbastanza, potete farcire delle tortilla, aggiungere del pecorino fresco o caciotta di bufala e scaldarle nel forno in modo che il formaggio si sciolga.

Avvisate i vostri ospiti che il chilli è piccante, come dice la parola stessa, e preparate qualche bottiglia di birra messicana accompagnata da fette di lime.

Sarà un successo…mi è venuta una fame!