Risotto alla curcuma con zucca e latte di cocco

Cosa c’è di meglio di un risotto per risollevarci il morale in una giornata di pioggia? Forse un risotto accompagnato da un bel bicchiere di vino e nulla vi impedisce di cucinare fischiettando e bevendo un buon calice. Questo risotto è un tripudio di sapori e colori, accostamenti inattesi e soprattutto spezie e latte di cocco che io adoro in ogni forma e utilizzo. L’unico accorgimento che dovete avere è mettere a bagno una manciata di funghi porcini in acqua tiepida almeno una mezz’ora prima di cucinare il risotto. Per il resto serve solo pazienza e attesa, dolcissima attesa.
Ingredienti per 4 persone:
15gr di porcini secchi
250 di zucca
½ porro
400gr di riso tipo vialone nano
1,5L di brodo vegetale
1 cucchiaio di curcuma
1 cucchiaio di curry giallo
100ml di latte di cocco
2 cucchiai di olio
Sale e pepe qb
Procedimento:
Mettete a bagno i funghi in acqua tiepida e lasciateli per almeno mezz’ora. Intanto mondate e lavate la zucca e il porro. Tagliate la zucca a tocchetti e il porro in fette sottili. Scolate i funghi, sciacquateli e tagliateli a listarelle. Scaldate il brodo e lasciatelo sobollire a fuoco basso. In un tegame basso mettete l’olio con curcuma e curry e il porro, accendete il fuoco a fiamma media e fate rosolare per un minuto. Aggiungete la zucca, i funghi e qualche cucchiaio di brodo, salate e fate cuocere per 5 minuti, aggiungete il riso e fatelo tostare per bene. Appena sarà traslucido coprite tutto con il brodo caldo e lasciate cuocere per 10 minuti a fuoco basso. Aggiungete brodo quando serve, appena vedete che si sta asciugando e continuate la cottura per altri 15 minuti, fino a che il riso sarà morbido. Se serve brodo aggiungetelo sempre. Ricordate che se mescolate una volta dovrete farlo sempre se invece lo lasciate in pace il riso cuocerà comunque e basterà dargli una bella mescolata alla fine. Appena il riso vi sembra cotto aggiungete il latte di cocco, alzate la fiamma e mescolate per bene. Spegnete il fuoco e fate riposare per almeno 5 minuti.
Servite su piatti caldi una generosa porzione di riso spolverato con del pepe nero appena macinato.
E ora una forchettata di riso e un bicchiere di vino e sarete in paradiso!

Crema di Patate e Porcini

Un tipico ingrediente dell’autunno con un forte profumo di bosco, di passeggiate all’aperto con l’odore della pioggia e l’aria che ormai è frizzante. Re incontrastato di questo periodo è il fungo in tutte le sue forme e qui noi useremo il più nobile di tutti: il porcino. serviremo questa crema deliziosa in un piccolo panino integrale in modo da farne un piatto unico nutriente e confortante, da condividere nelle fredde giornate autunnali. si cucina in poco tempo, importante sarà mettere a bagno i porcini secchi in tempo e il gioco è fatto.
Ingredienti per 4 persone:
1Kg di patate a pasta gialla
1 cipollotto
1spicchio di aglio
50gr di funghi porcini secchi
1 rametto di erba cipollina
2 cucchiai di olio
Sale qb
Acqua qb
150gr di formaggio di capra morbido o meglio con foglie di noce
4 panini da usare come contenitori tipo pane casereccio integrale
Procedimento:
Mettete a bagno i funghi in acqua tiepida per almeno un’ora o quanto indicato.
Intanto sbucciate le patate e tagliatele a pezzetti piccoli, mettetele in acqua così non si ossidano.
Sbucciate e tritate aglio e cipollotto.
Lavate e tritate l’erba cipollina. Grattugiate il formaggio morbido in modo da ricavare dei vermicelli.
Aprite i panini togliendo solo la parte superiore, il cappellino. Eliminate la mollica in eccesso e fate spazio per la zuppa. Sciacquate i funghi e tagliateli a listarelle. Su una pentola da zuppa, preferibilmente di acciaio, mettete l’olio con aglio e cipollotto.
Fate rosolare a fuoco medio per pochi minuti,salate e state attenti che l’aglio non si bruci. Unite ½ bicchiere di acqua. Aggiungete i funghi e fate rosolare, poi unite le patate.
Mescolate per bene e coprite tutto con acqua bollente, ci vorranno circa 1,5 litri: le patate devono essere coperte proprio al limite: in questo modo la crema sarà densa al punto giusto.
Fate cuocere a fuoco lento per circa 15 minuti e assaggiate di sale,sicuramente ne mancherà un po’ quindi aggiungetelo.
Rimettete la zuppa sul fuoco e controllate la consistenza: non deve essere troppo brodosa.
Spegnete il fuoco e prendete il frullatore a immersione e frullate la vostra zuppa.
Dovete ottenere un crema liscia e densa.
Se non la consumate subito, ma la preparate in anticipo, ricordatevi di frullarla dopo averla scaldata altrimenti è facile che si attacchi al fondo della pentola o si bruci mentre la scaldate.
Adagiate ciascun panino su un piatto fondo, se avete delle terrine di terracotta ancora meglio.
Mettete un po’ di vermicelli di formaggio sul fondo del panino e versateci sopra un mestolo di crema o quanta ce ne sta, non esagerate sennò il panino si romperà. Guarnite con l’erba cipollina e chiudete il panino con il suo cappellino. Portate subito in tavola.
Se non siete riusciti a trovare i panini prendete una focaccia casereccia, tipo pane di Altamura o pane pugliese.
Tagliate la crosta in pezzi e mettetela sul fondo delle terrine o delle ciotole, l’effetto non sarà così coreografico ma il sapore sarà ottimo lo stesso.
se non amate particolarmente l’erba cipollina potete fare questa crema con il rosmarino, con i funghi ci sta benissimo ed è molto più facile trovarlo fresco!

Ricetta base per muffin

Ricetta base per muffin:
a grande richiesta ecco qua la ricetta base per fare muffin di tutti i tipi a tutti i gusti.
Ci sono dei piccoli trucchi da seguire. Vi servono i pirottini di alluminio, quelli usa e getta vanno benissimo, da coprire con i pirottini di carta.
Se all’impasto aggiungiamo aromi come cannella, scorza di agrumi, cacao, gocce di cioccolato e frutta secca di ogni genere tutti questi ingredienti vanno aggiunti nel mix di farina e bicarbonato cioè negli ingredienti secchi. Tutta la frutta fresca va aggiunta nell’impasto finale, preferibilmente grattugiata, come mele e pere, o schiacciata, come banane e pesche. Per muffin alcolici con rhum, vodka, o con succo di frutta toglierete circa 80cl di latte e metterete il liquido che vi serve. L’importante è che le proporzioni rimangano le stesse.
non vi resta che scatenare la fantasia e mettervi a cucinare!

Ingredienti per circa 10/12 muffin:
225gr di farina di farro o integrale o senza glutine
90gr di zucchero di canna grezzo
1 uovo intero
150cc di latte di riso o di soia
80cc di olio di oliva
Un pizzico di sale
1 cucchiaino raso di bicarbonato
Aromi vari
Procedimento:
Mescolare farina, bicarbonato e sale in una ciotola
Con una frusta a mano battere l’uovo intero con lo zucchero. Quando sarà spumoso aggiungere pian piano latte, olio e il composto di farina. Trasferite il composto su un bricco e riempire di pirottini per 3/4.
Infornare a 180° per 20 minuti. Fate sempre la prova dello stuzzicadente per controllare la cottura, dovrà essere bello asciutto.
sfornate e togliete subito dal pirottino di alluminio in modo che non si formi la condensa.

L’orto nel forno con il riso

Per fare questo piatto vi serve un pochino di tempo, circa 20 minuti per la preparazione e poi 45 minuti per la cottura. Ma posso assicurarvi che non sarà tempo perso e vi gusterete ogni morso di queste delizie stagionali.

Raccogliamo in questa ricetta tutto quello che di buono ci offre l’orto in questo momento,  noi utilizzeremo peperoni, pomodori e melanzane ma potete farlo anche con le zucchine, a voi la scelta.

Le dosi sono per 4 persone, se accompagnate il tutto con un antipasto o un altro contorno. Per i più famelici diciamo che ci mangiate in tre abbondanti.

Ingredienti:

4 pomodori rotondi grossi

1 melanzana rotonda

1 peperone giallo o rosso

250gr di riso tipo vialone nano

2 spicchi di aglio

80gr di olive kalamata denocciolate

600gr di pomodorini tipo pachino

3 pomodori secchi sotto sale

2 cucchiai di pane grattato

3 cucchiai di olio

1 peperoncino

sale qb

Procedimento:

Per prima cosa cuocete il riso in abbondante acqua salata per circa 15 minuti o quanto indicato sulla confezione. Appena sarà pronto scolatelo e sciacquatelo un pò per raffreddarlo e tenetelo da parte.

Mettete i pomodori secchi ammollo in acqua in modo che perdano la sapidità.

Intanto preparate le verdure:  lavate tutto e tagliate le melanzane a metà nel senso della lunghezza, togliete la polpa e tagliatela a cubetti. Tagliate a metà il peperone ed eliminate i semi e la parte bianca. Togliete il cappuccio ai pomodori e scavateli all’interno, eliminate i semi e conservate la polpa. Condite le verdure con un pò di sale grosso e mettetele a testa in giù su un piatto così perderanno i liquidi in eccesso. Lavate i pomodorini e tagliateli a metà, sciacquate i pomodori secchi e tagliateli a strisce.

Su un tegame o una padella anti aderente mettete l’aglio schiacciato, il peperoncino tagliato a fette, i pomodori secchi e due cucchiai di olio. Fate rosolare sul fuoco medio, appena prende  calore mettete i pomodorini, la polpa di melanzane e pomodori e le olive kalamata.

Aggiungete un bicchiere d’acqua e fate cuocere a fuoco vivace per circa 15 minuti. A questo punto se occorre mettete il sale. Spegnete il fuoco e unite il riso, mescolate per bene in modo che si insaporisca.

Accendete il forno a 220°. Coprite una teglia con carta forno leggermente bagnata e oleata e adagiatevi sopra le verdure. Riempitele con il riso, spolverate di pane grattato e infornate per 30 minuti, controllate la cottura, devono essere morbide all’interno e croccanti fuori, se occorre proseguite nella cottura altri 15 minuti.

Sfornate, aprite una bottiglia di birra ghiacciata, fate qualche sorso e poi distribuite le verdure ai vostri ospiti Vi avvolgerà un sapore deciso e forte, ricco di estate, di sole e di buona compagnia

 

La panzanella

 

Questo è un classico piatto della cucina Toscana, ma anche un piatto del cuore per me.

Giornate estive in campagna, bambini che corrono, odore di pomodori freschi, di erba tagliata, di sapori semplici.

Pane raffermo da riutilizzare, da  mettere a bagno e da strizzare con le mani in piedi sopra la sedia perché a 5 anni ancora non ci arrivi al tavolino.

E le poche volta che la nonna lasciava la cucina la nonno, uno spasso per noi bambini…

E risate, un sacco di risate.

Magari non sarà la ricetta originale ma con questa vi regalo un pezzo della mia infanzia e del mio cuore.

Ingredienti per 4 persone:

600gr di pane toscano raffermo senza sale

1 cipollotto fresco

1 cetriolo

1kg di pomodori San Marzano

1 mazzetto di erba cipollina

1 mazzetto di prezzemolo

3 cucchiai di olio

Sale e pepe in abbondanza

Procedimento:

Tagliate il pane in pezzi e mettetelo a bagno su una terrina con poca acqua e un peso sopra.

Lasciatelo così che si ammorbidisca, ci vorrà circa mezz’ora.

Intanto sbucciate il cetriolo e tagliatelo a fette sottili.

Lavate e tagliate i pomodori in pezzetti piccoli.

Lavate e strizzate il prezzemolo e l’erba cipollina, tagliateli finemente.

Affettate la parte verde dei cipollotto finemente.

Togliete il pane dall’acqua e strizzatelo bene, potete avvolgerlo su uno strofinaccio o metterlo su un colino.

Mettetelo su una terrina e condite con olio, sale e pepe.

Unite il cipollotto, i pomodori, il cetriolo, e le erbe aromatiche.

Condite tutto e mescolate per bene.

Se volete potete lasciarla riposare in frigo o mangiarla subito.

Ideale per le gite al mare o le cene veloci e informali, magari accompagnata da delle uova sode ripiene.

La panzanella si presta a vari arricchimenti: olive taggiasche, salsa al prezzemolo, mozzarella, aglio, e tutto quello che la vostra fantasia,e i il vostro frigo, vi suggeriscono.

 

Crostatine di farro alla frutta con crema al lime

Non spaventatevi, questo dolcetto è facilissimo da fare, completamente senza latte né burro, ed è anche molto leggero.

Vi insegnerò qualche trucco per fare tutto in modo facile e veloce, potete fare lo stesso se preferite una crostata grande.

A me piace l’idea delle mono porzioni, così si possono portare queste delizie anche ad un pic nic o ad una festa senza preoccuparsi di chi taglierà il dolce.

Preparate carta forno, pirottini di carta e stampini per crostate e il gioco è fatto.

Ingredienti per circa 12 crostatine:

Per l’impasto:

300gr di farina di farro

2 uova intere

110c di olio di oliva

90gr di zucchero grezzo di canna

1 cucchiaino raso di bicarbonato

1 pizzico di sale

la scorza di ½ limone

Per la crema:

350cc di latte di soia

35gr di amido di mais

35gr di zucchero di canna

La scorza grattugiata di 1 lime

½ bustina di zafferano

E poi:

frutta fresca a piacere

gelatina per dolci in spray

 

Procedimento:

Mettete la farina in una terrina con il bicarbonato, lo zucchero e il sale, mescolate per bene e aggiungete le uova al centro. Mescolate con una forchetta. Fate intiepidire l’olio in un tegamino a aggiungetelo al composto. Mescolate prima con la forchetta e poi con le mani fino ad avere in panetto liscio ed omogeneo.

Accedente il forno a 200°.

Preparate gli stampini da crostata coprendoli con i pirottini di carta, è facile basta schiacciarli e farli aderire per bene.

Prendete una piccola pallina da composto di pasta e schiacciatela sulla formina in modo da coprire anche i lati. Fate così fino a finire l’impasto.

Bucherellate con una forchetta e infornate per 20 minuti, l’impasto dovrà staccarsi facilmente dalla carta.

Intanto preparate al crema: mettete su un pentolino anti aderente l’amido e la scorza di lime, aggiungete pian piano il latte mescolando con una frusta a mano. Mettete sul fornello a fuoco medio continuando a mescolare, appena prende un po’ di calore aggiungete lo zucchero e lo zafferano sempre mescolando. Quando inizia a rassodarsi allontanate dal fuoco e spegnete.

Fate raffreddare.

Quando le crostatine sono pronte e la crema è a temperatura ambiente potete farcirle: scegliete la frutta di stagione, che siano fragole o more, kiwi o banane, ciliegie o albicocche, pere o mele, andrà sempre bene.

Farcite con la crema e poi con la frutta, alla fine spruzzate la gelatina spray che è comodissima, ne serve poca e non dovete farla al momento.

Potete conservare le vostre crostatine in frigo per un giorno o farle in anticipo e farcirle al momento.

Nella foto vedete anche a mia versione alla pera con crema al peperoncino. Per la ricetta visitate la pagina dedicata alle cosine dolci.

 

 

Insalata di farro al melone e avocado

 

Ci sono volte in cui c’è bisogno di un piatto fresco, succoso, ma pieno di colore e sapore.

Un po’ dolce ma anche acidulo, consistente ma morbido.

Una piccola cura per le giornate estive che iniziano ad essere calde e afose.

 

Ingredienti per 4 persone:

 

400gr di farro

1 melone maturo

1 avocado maturo

1 peperoncino

1 limone intero non trattato

4 cucchiai di olio

Sale e pepe qb

 

Procedimento:

 

Per prima cosa mettete a bollire l’acqua per cuocere il farro: ricordate la proporzione è sempre di una tazza di farro e due di acqua e così via.

Per i tempi di cottura si varia dai 15 ai 30 minuti, leggete cosa c’è scritto sulla confezione.

In ogni caso tenete il farro un po’ al dente, non lasciatelo cuocere troppo.

Scolate e raffreddate sotto l’acqua fredda.

Mettete su una terrina e condite con un cucchiaio di olio.

Sbucciate e tagliate a pezzi piccoli il melone, sbucciate ed affettate l’avocado.

Affettate il peperoncino a rondelle.

Aggiungete melone e avocado al farro e condite con olio, sale e pepe e una spruzzata di succo di limone.

Guarnite un po’ di peperoncino, qualche foglia di finocchietto e la scorza grattugiata del limone.

Potete servire subito o conservare in frigo qualche ora, in caso aggiungete l’avocado all’ultimo momento in modo che non si ossidi.

Facile, veloce, estivo e confortante….

 

Spaghettata aglio e olio aggravata gluten free

Spaghettata aglio e olio aggravata gluten free

Quando si parla di fare una spaghettata veloce tra amici la cosa migliore è un classico intramontabile: gli spaghetti aglio e olio.

Ma noi siamo persone dai palati fini a abbiamo bisogno di qualcosa in più che stimoli le nostre papille gustative e i nostri sensi.

E allora questo classico lo faremo aggravato, cioè ricco di sapori e profumi da unire al classico aglio e peperoncino.

Zenzero, pomodorini e una marea di peperoncino fresco, che altro volere?

 

Ingredienti per 4 persone:

 

500gr di spaghetti di mais

350gr di pomodorini tipo piccadilly

1 peperoncino fresco intero

1 radice di zenzero di circa 4 cm

2 gambi di prezzemolo

4+1 cucchiai di olio e.v.o.

Sale qb

 

Procedimento:

Mettete a bollire l’acqua per cuocere la pasta.

Intanto lavate i pomodorini e tagliateli a metà.

Affettate il peperoncino e sbucciate a grattugiate lo zenzero.

In una padella grande anti aderente mettete i 4 cucchiai di olio, lo zenzero, il peperoncino e i gambo di prezzemolo.

Accendete il fuoco a fiamma alta e con un mestolo di legno mescolate con cura.

Appena tutto inizia a sfrigolare togliete i gambi di prezzemolo e aggiungete i pomodorini, fateli cuocere fino a che quasi si caramellano, ci vorranno circa 5-6 minuti. Per fare questo dovete lavorare sempre con la fiamma molto alta.

Intanto potete mettere a cuocere la pasta.

Aggiungete un pò di acqua di cottura della pasta al vostro sughino perché non si asciughi troppo.

Aggiustate di sale.

Appena gli spaghetti sono pronti scolateli e metteteli nella padella con il sugo. Fate saltare allegramente fino a che saranno ben amalgamati e leggermente colorati.

Spegnete il fuoco e mantecate con un cucchiaio di olio.

Il vostro aglio e olio è pronto, aggravato dal sapore forte dello zenzero e dall’acidità dei pomodorini.

Dato che sarà ultra piccante preparate delle birre fresche e delle fette di pane bruscato.

In questo modo potrete dare sollievo ai vostri ospiti.

Io vi consiglio di mangiarlo direttamente dalla padella, seduti per terra con la musica alta, quale modo migliore?

 

 

 

La mia colazione

 

 

Questa è la mia idea di colazione. Salata, ricca e assolutamente veloce.

Dovete essere degli amanti dell’avocado, cercatelo maturo, deve essere morbido al tatto. E poi uova freschissime, una fetta di pane e del tea verde alla menta.

Il modo ideale per partire con il piede giusto.

Nulla vi impedisce di utilizzare questa idea per uno spuntino o di ritorno da una serata impegnativa. Fatene ciò che volete, io mangerei così a tutte le ore!

 

Ingredienti per una persona:

un cucchiaino di tea verde

qualche foglia di menta

1 cucchiaino di miele

acqua bollente

2 fette di pane casereccio

Un uovo freschissimo biologico

un avocado

un pizzico di sale

una punta di tabasco

½ limone

Sale e pepe qb

 

Procedimento:

Mettete su un pentolino il miele, il tea verde e la menta, coprite di acqua bollente.

In un pentolino fate bollire dell’acqua per cuocere l’uovo. Intanto pulite l’avocado: sbucciatelo e tagliatelo a metà. Mettetelo su una ciotola, schiacciatelo con una forchetta e condite con tabasco, sale e il succo di limone.

Tostate le fette di pane sul tostapane o su una padella anti aderente.

Adagiate nell’acqua l’uovo aiutandovi con un cucchiaio, il guscio non deve rompersi. Fate sobbollire per 5 minuti scarsi. Appena è pronto raffreddatelo sotto l’acqua.

Spalmate la crema di avocado sul pane, filtrate il tea e mettete l’uovo sul vostro portauovo preferito.

Togliete la parte superiore del guscio, condite con sale e pepe e affondateci dentro un po’ di pane con l’avocado. Non è un modo meraviglioso di cominciare la giornata?

Fragole salate

 

 

Ebbene si, questo frutto delizioso che dona il meglio di sé tra aprile e maggio è un ingrediente eccezionale nelle preparazioni salate.

Qui vi darò due idee da sfruttare per gli aperitivi o stuzzichini da mangiare prima di cena.

La prima idea sono degli spiedini e la seconda dei semplici crostini in due versioni.

Fidatevi, sarà un successo.

Accompagnate tutto con qualche bicchiere di bollicine.

 

Ingredienti per 4 persone

Per gli spiedini:

8 spiedini di legno

16 fragole grandi

8 ciliegine di bufala

Crema di Aceto balsamico di Modena

 

Per i crostini:

16 crostini sottili integrali

12 fragole grandi

200cc di maionese fatta in casa

50gr di feta Greca

2 cucchiai di moutarde de Dijione

Crema di Aceto balsamico di Modena

 

Procedimento:

Lavate accuratamente le fragole. Tagliate a pezzetti la feta.

Per gli spiedini: infilate su ciascun spiedino una fragola intera seguita da una mozzarella di bufala e chiudete con un’altra fragola Fate così per tutti gli spiedini. Poggiateli su un piatto e irrorateli con la crema di aceto Balsamico, saranno finiti prima che li mettiate in tavola in modo coreografico!

Per i crostini: tagliate le fragole a fette sottili. Su metà dei crostini stendete un leggero strato di maionese, adagiatevi sopra qualche fetta di fragola e finite con la crema di aceto balsamico.

Mettete la restante maionese in una ciotola e aggiungete la moutarde. Mescolate per bene e stendete uno strato sottile sui restanti crostini. Adagiatevi qualche fetta di fragola e un pezzetto di feta. Irrorate con l’aceto balsamico.

Se vi è avanzata un po’ di salsa potete immergerci i vostri spiedini, se non li avete finiti…

Un antipasto ideale per le giornate primaverili, da condividere assolutamente con le persone giuste!